Disastro su detrazioni risparmio energetico ! “Enea” sconosciuta anche da installatori e aziende del settore

Detrazioni per risparmio energetico 65% 

Parecchie le documentazione presentate nel 2016  ERRATE !

I contribuenti si sono presentati con le fatture dei lavori eseguiti e relativi bonifici con causale  “risparmio energetico”, pensando di poter usufruire della detrazione al 65%,  ma non è affatto così …

La cosa  più imbarazzante è la mancanza di informazioni delle aziende che si occupano di questi interventi, le quali dovrebbero essere in grado di produrre la documentazione necessaria o comunque di informare il cliente in modo corretto al fine di far ottenere la detrazione.

Mai sentito parlare della comunicazione all’ ENEA ?

Abbiamo riscontrato che molti “esperti” installatori o aziende che si occupano di interventi di riqualificazione energetica sanno parlare molto bene della detrazione al 65% in fase di vendita dei loro servizi o prodotti, ma poi a lavori ultimati, non sono in grado di produrre la documentazione necessaria al fine di far ottenere il rimborso al contribuente.

PER QUALSIASI INFORMAZIONI SIAMO SEMPRE PRONTI A FORNIRVI LA NOSTRA CONSULENZA E ASSISTENZA.  

NEL DUBBIO CONTATTACI

 

Documenti da conservare:

Per fruire del beneficio fiscale è necessario conservare ed esibire all’Amministrazione finanziaria, ove ne faccia richiesta, la documentazione relativa agli interventi realizzati.

In particolare, va conservato:

il certificato di asseverazione redatto da un tecnico abilitato ( collaudo di fine lavori )

 la ricevuta di invio tramite internet o la ricevuta della raccomandata postale all’Enea ( la comunicazione ENEA va fatta entro 90 giorni dalla data di fine lavori. Per data di fine lavori si intende qeulla del collaudo eseguita dal tecnico abilitato)

 le fatture o le ricevute fiscali comprovanti le spese effettivamente sostenute per la realizzazione degli interventi

ricevuta del bonifico dove si evince partita IVA, nome dell’impresa e causale per lavori di riqualificazione energetica.
Esempio: “Detrazione 65%, ai sensi dell’art. 1, commi 344-347, legge 27 dicembre 2006, n. 296. Pagamento della fattura n. XY del giorno/mese/anno,  beneficiario ragione sociale e P.Iva.”

 Quali spese rientrano possono rientrare nel risparmio energetico ?
In particolare, le detrazioni sono riconosciute se le spese sono state sostenute per:

  • la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
  • il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni – pavimenti – finestre, comprensive di infissi )
  • l’installazione di pannelli solari
  • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

 

  Visita anche Risparmio Energetico la detrazione del 65% su condomini la detrazione fino al 75%

Per maggiori dettagli e informazioni in merito, consulta di seguito la guida ufficiale su “LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO”

pdf-730Guida_Agevolazioni_Risparmio_energetico


Hai notato che questo sito è privo di pubblicità e spamming ?
Offriamo servizi di qualità !


Vorresti commentare questo articolo o fare una richiesta specifica ?
Guarda che puoi farlo !

Puoi interagire con le nostre comunicazioni commentando e facendo richieste specifiche: 

  • iscrivendoti al sito (clicca qui) per ricevere le news e commentare gli articoli
  • su Facebook (clicca qui), mettendo “Mi Piace” alla pagina, commenta i Post e scriverci



detrazioni risparmio energetico Enea, comunicazione Enea


Lascia un commento